Trattato di verdun yahoo dating

Trattato di Versailles () - Wikipedia

Main · Videos; List of dating sites in the world dating profile · doktrina dating daan songs · trattato di verdun yahoo dating · perseguido por todos online dating . JUNE DATE APPLICATION AUTHOR F .. ATMOSPHERE DI REVENUE SESSION WASTE PONCE VERDUN SOU KOHN MISINTERPRETATION INTE YAHOO QUASH MARYKNOLL DIRECTORSHIP . Ani Di Franco - Trust, Ani DiFranco Ironing Out Dating Wrinkles - Work Through Und Verdun Unter Franz sischer Herrschaft (), Christine Petry Quality Evaluation of Geriatric Health Information on Yahoo!.

Questa venne chiamata "zona di sicurezza territoriale". Inoltre la Francia volle anche ridurre drasticamente il numero di soldati dell'esercito tedesco in modo controllabile.

beljournalist.info: Sitemap

Come parte delle riparazioni, la Francia volle che le venisse dato il controllo di molte delle fabbriche tedesche. Intenzione della Francia non era solo quella di punire severamente lo storico nemico tedesco, ma anche di preservare il proprio impero e le colonie. Mentre gli USA portavano avanti una convinzione nell "autodeterminazione" etnica o nazionale, Francia e Regno Unito volevano mantenere i loro preziosi imperi.

Tuttavia molti soldati britannici morirono sulla linea del fronte in Francia e quindi la popolazione britannica chiedeva una punizione dura per la Germania.

Il primo ministro Lloyd George pur volendo delle riparazioni severe, chiese molto meno dei francesi. Lloyd George era conscio che se le richieste francesi fossero state accolte, la Francia sarebbe diventata estremamente potente nell'Europa Centrale e un delicato equilibrio si sarebbe spezzato.

Russia nella prima guerra mondiale - Wikipedia

Pur volendo assicurarsi che questo non accadesse, anche lui voleva che la Germania pagasse. Lloyd George era anche preoccupato dalla proposta di Woodrow Wilson per l'autodeterminazione e, come per i francesi, voleva preservare l'Impero del Regno Unito.

L'atmosfera patriottica dominante peraltro non deve far sottovalutare alcuni elementi che fin dall'inizio misero in evidenza la debolezza del regime zarista: Obiettivi di guerra e diplomazia dell'Impero russo all'inizio del conflitto[ modifica modifica wikitesto ] Gli accordi stipulati tra gli alleati riflettevano gli intenti imperialistici della Triplice Intesa. L'obiettivo principale della Russia allo scoppio della guerra consisteva in pratica nella distruzione dell'Austria-Ungheria che costituiva la potenza di collegamento tra la Germania e il Vicino Oriente [18] ; nei confronti della Germania non esistevano rivendicazioni veramente fondamentali anche se lo zar, per motivi principalmente tattici, il 14 agosto promise la ricostituzione della Polonia, sottraendo territori alla Germania; il nuovo stato polacco avrebbe dovuto essere "libero nella sua religione, nella sua lingua, nella sua amministrazione interna" [19].

Russia nella prima guerra mondiale

Alla fine dell'anno per la prima volta i dirigenti russi presentarono precise richieste ai loro alleati riguardo alla questione di Costantinopoli e gli stretti [23]. Vittorie e sconfitte[ modifica modifica wikitesto ] Settembre Nella fase iniziale della guerra l'offensiva russa verso le regioni orientali della Prussia distolse abbastanza truppe tedesche dal fronte occidentale da permettere a FranciaBelgio e Gran Bretagna di fermare l'avanzata tedesca ad ovest.

Nello stesso periodo i russi fermarono un'offensiva austriaca, sconfissero pesantemente l'esercito nemico e si spinsero all'interno della Galizia orientale Battaglia di Galizia23 agosto settembrenell'Impero Austro-Ungarico. Durante la primavera e l'estate dello stesso anno una violenta offensiva austro-tedesca spinse i russi fuori dalla Galizia e dalla Polonia causando loro gravissime perdite in uomini e materiali.

  • Trattato di Versailles (1919)

Rogger, La Russia pre-rivoluzionariapp. Rogger, La Russia pre-rivoluzionariap. Albertini, Le origini della guerra delvol. Tuchman, I cannoni d'agosto, p. Rogger, La Russia pre-rivoluzionaria. Becker, l'anno che ha cambiato il mondo, pp.

Nuovi regni

Taylor, L'Europa delle grandi potenze, p.